Il mondo non voleva vederlo vecchio

0 1

Jean-Paul se n'è andato Belmondo… e non serve aggiungere chi è. Lo conosce tutto il mondo!

Lo stesso Belmondo ha fatto i botteghini dei teatri parigini. E la sua performance teatrale è stata importante?

Il mondo intero sognava di vederlo dal vivo Belmodno! Era, forse, il leader in questo senso.

Vederlo vivo e in attesa. Ecco la felicità! Quando ero a Parigi nel 1997, non sono stato fortunato.

E alcuni sono stati fortunati e hanno visto i loro film preferiti, che sono stati girati solo per loro e per poche centinaia di fortunati in più.

Belmondo non è morto! È appena andato all'elicottero…

Non ha nascosto la sua vecchiaia. E questa era anche un'estetica speciale. Ha dato ottimismo alla gente.

Anche il vecchio Jean-Paul aveva un viso sorprendentemente affascinante! E questo è meraviglioso!

Avevamo ragione ad andare a vedere il Belmondo dal vivo a Parigi non per l'estetica teatrale, ma per l'effetto zoo – per vedere il Living, e non una cinematografia eterna vivente. < /p> < p style = "text-align:activate;"> Belmondo nelle sue interviste si rese conto che c'era un effetto zoo intorno a lui: vedere una cosa vivente!

Nessuno al mondo voleva vedere il vecchio Belmondo in un film. Ecco perché l'ultimo film con la sua partecipazione ha avuto un punteggio basso. Il mondo amava così tanto Belmondo che non voleva vederlo come un vecchio al cinema!

La maggior parte dei cinema di Mosca si affida solo ad attori cinematografici. Questa è degradazione. Ne ho parlato una volta in “Argomenti della settimana” con Mark Zakharov su Lenkom e altri teatri.

I veri teatri nelle regioni. Gli attori nelle regioni non sono vanitosi e senza megalomania. Questo è un vero teatro russo. E Mosca è l'effetto di uno zoo in un teatro. Vedere un cavallo purosangue vivo senza finimenti o un attore cinematografico Zbruev a Lenkom è la stessa cosa!

Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.