Il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin è preoccupato per la situazione con COVID-19, ma non è stata impostata una quarantena rigorosa

0 0

Il coronavirus stabilisce nuovi record per numero di casi giorno dopo giorno. I grafici dei contagi e dei ricoveri appaiono sempre più allarmanti. Anche a Mosca, dove il sistema sanitario & ndash; al livello più alto, la forza dei medici potrebbe presto essere insufficiente se il numero dei malati gravi continua a crescere. La tregua estiva è giunta al termine, la capitale sta nuovamente vivendo un periodo acuto di pandemia. Le statistiche sul coronavirus che stiamo attualmente osservando sono & ndash; queste sono praticamente le cifre massime del picco della prima ondata. Come ha osservato il sindaco Sergei Sobyanin, la situazione – ndash; sull'orlo. Particolarmente preoccupante è l'aumento del numero di pazienti oltre i 65 anni che devono essere ricoverati. La percentuale di pazienti anziani con covid ha già superato il 25%.

Non andiamo lontano

Le prime misure restrittive sono volte a garantire la sicurezza degli anziani moscoviti e delle persone con malattie croniche. La sospensione temporanea degli abbonamenti scontati dovrebbe ridurre il numero di spostamenti in città, il che significa che & ndash; ridurre il rischio di infezione. I cittadini più anziani possono comunque passeggiare nelle piazze e nei parchi più vicini, ma è meglio non utilizzare i mezzi pubblici se non in caso di assoluta necessità. Questo vale anche per gli scolari, che ora sono stati mandati in vacanza non per girare nei centri commerciali e trasmettere il virus ad altri, spesso senza nemmeno accorgersi della malattia. Anche i datori di lavoro, a loro volta, erano obbligati a trasferire almeno il 30% dei dipendenti alla modalità remota.

Non farlo da soli

A giudicare dalle misure adottate, Sobyanin non è incline a introdurre una rigida quarantena, come in primavera. Mentre parliamo di soluzioni puntuali. Il successo di questa tattica dipende dagli stessi moscoviti. Indosseremo mascherine e guanti, osserveremo la distanza sanitaria & ndash; allora sarà possibile evitare la quarantena totale. Sebbene, ad esempio, sia già stato introdotto in Israele, parte della capitale della Spagna è chiusa, molti altri paesi si stanno preparando per uno scenario simile.

Rospotrebnadzor non dorme

Sfortunatamente, non tutti adottano un approccio responsabile alle raccomandazioni dei medici e delle autorità cittadine. In connessione con il deterioramento della situazione in autunno, le autorità sono costrette a inasprire nuovamente il sistema delle sanzioni. Ogni giorno, Rospotrebnadzor riferisce che cinema, discoteche, ristoranti, sale da concerto, banche, negozi violano le misure di prevenzione del coronavirus. Sono minacciati di raccolta fino a 500 mila rubli o sospensione delle attività fino a 90 giorni. Gli stessi cittadini vengono anche multati per non aver indossato le mascherine sui mezzi pubblici e nei negozi. Ahimè, nella situazione attuale tutto questo è più che giustificato.

Aeroporto alternativo

Nel frattempo, Mosca sta cercando di essere pronta per qualsiasi sviluppo degli eventi. L'altro giorno nella capitale sono stati riattivati ​​due ospedali temporanei – ndash; a Krylatskoye e Sokolniki, che forniranno più di 2.500 letti aggiuntivi. Ciò consentirà, almeno per un po', di evitare la massiccia riprofilazione degli ospedali cittadini. I centri multifunzionali sono dotati di tutto il necessario e, di fatto, sono diventati i primi ospedali digitali a Mosca – & ndash; il personale e i pazienti sono dotati di tablet, ad ogni ricoverato in ospedale viene consegnato un braccialetto personale con un codice QR, che tramite la scansione i medici possono ricevere immediatamente l'intera storia clinica e le informazioni sugli esami.

La città le autorità non stanno lavorando per eliminare le conseguenze, ma per avanzare. Tuttavia, il fatto stesso di riaprire gli ospedali temporanei conferma ancora una volta che la situazione si sta rapidamente riscaldando. Limita il più possibile i contatti social e ricordati di indossare una mascherina.

Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.