In un certo numero di paesi, le autorità impongono nuovamente restrizioni relative alla pandemia di COVID-19

0 0

Con l'inizio dell'autunno, come di consueto, si registra un aumento raffreddori, varie infezioni respiratorie. Quest'anno la situazione è ulteriormente complicata dal fatto che l'epidemia stagionale di SARS e influenza potrebbe sovrapporsi alla pandemia di COVID-19. Non è ancora finita. Inoltre, alcuni paesi stanno ricominciando a introdurre vari tipi di restrizioni per evitare le gravi conseguenze della seconda ondata.

DALLE ULTIME notizie. Le autorità israeliane stanno introducendo una quarantena nazionale di tre settimane dal 18 settembre. Questa settimana in Turchia è stato introdotto l'uso obbligatorio di maschere per le strade, e non solo nei luoghi pubblici. Il cancelliere austriaco ha annunciato l'inizio della seconda ondata dell'epidemia di coronavirus e ha invitato i concittadini a prendere tutte le precauzioni, in particolare a indossare le mascherine. In Francia è obbligatorio indossare la mascherina in tutti i luoghi pubblici chiusi. I trasgressori rischiano una multa di 135 euro (11.850 rubli). Ci sono anche multe severe in altri paesi: Germania, Gran Bretagna, Belgio e altri. E questa non è una coincidenza. Poiché in altri paesi, soprattutto nell'ultimo mese, dopo una leggera tregua, si registra nuovamente un aumento dei casi di infezione da coronavirus.

Negli ultimi giorni, il numero di casi ha oscillato allo stesso livello. Ogni giorno vengono identificate tra le 600 e le 650 persone. Inoltre, i numeri in questa fascia sono rimasti praticamente dall'abolizione della maggior parte delle restrizioni, cioè approssimativamente da giugno.

, negozi, centri commerciali, istituzioni educative, ristorazione e alcuni altri luoghi. E in nessun caso dovresti rifiutarlo.

Ora, all'inizio e alla metà dell'autunno, molte persone tornano dopo una vacanza estiva nelle regioni calde. È chiaro che in vacanza si osservano i requisiti di sicurezza, per usare un eufemismo, molto male. Pertanto, aumenta il rischio di malattia.

Va ricordato ancora una volta: indossare maschere & ndash; non è un capriccio di qualcuno, ma una necessità e una responsabilità. Ci sono ancora molte persone con il coronavirus. Il virus è pericoloso perché una persona nel periodo di incubazione, quando la malattia non si è ancora manifestata sotto forma di tosse, fiato corto, debolezza, febbre, vive una vita normale: si muove, comunica con altre persone. Senza sapere di essere malato, rilascia nell'aria milioni di virus ad ogni respiro, tosse, starnuto. Se una persona indossa una maschera & ndash; e malato e sano accanto a lui, & ndash; questo riduce notevolmente il rischio di infezione. Indossare una mascherina ti permette di proteggere te stesso e gli altri dalla diffusione di questa grave e aggressiva infezione.

Inoltre, a Mosca non mancano i dispositivi di protezione individuale (DPI). I disinfettanti sono installati in ogni stazione della metropolitana & ndash; all'uscita-ingresso della metropolitana, tutti possono disinfettarsi le mani. Ci sono anche distributori automatici ovunque per la vendita di mascherine e guanti, nel caso qualcuno li avesse dimenticati improvvisamente a casa. In molti negozi, caffè e ristoranti, all'ingresso vengono distribuiti mascherine e guanti.

Inoltre, nella capitale russa (rispetto ad altre megalopoli), le restrizioni possono essere definite leali. Di norma, le persone utilizzano i mezzi pubblici solo per andare e tornare dal lavoro. Non capita tutti i giorni nei centri commerciali e nei negozi, così come nei ristoranti e nei caffè.

Nessuno ti obbliga a indossare una maschera all'aria aperta, soprattutto se non c'è contatto con le persone. Qui tutto è solo su richiesta personale.

& ndash; La mascherina va utilizzata localmente, in luoghi affollati. Scendi in metropolitana & ndash; mettiti una maschera. Dopo il giro, esci e lo togli. Quando sei all'aria aperta e non ti avvicini alle persone, indossare una maschera è facoltativo, & ndash; sottolinea il virologo, professore della N.F. Gamalei Anatoly Altstein.

Quindi è il momento di pensare seriamente alla tua salute. E non solo per i suoi, ma anche per quelli che lo circondano. Questa è la responsabilità.

NA Aiuto

Nel sud-est asiatico, le persone sono abituate a indossare maschere chirurgiche se devono recarsi in un luogo pubblico , ma non sono sani, o durante il periodo di fioritura con sintomi allergici, è considerato scortese starnutire o tossire apertamente.

Un focolaio del virus Sars nel 2003, che ha colpito diversi paesi della regione, ha anche mostrato l'importanza di indossare maschere, soprattutto a Hong Kong, dove la mortalità era più alta. Quindi la principale differenza nell'atteggiamento nei confronti delle maschere in Occidente e in Asia è che nei paesi asiatici le persone hanno sperimentato epidemie relativamente di recente e ricordano bene quanto sia stato terribile. E per loro ora la maschera & ndash; questa è la stessa norma di una scarpa o di un fazzoletto. Pertanto, durante lo scoppio del coronavirus in Cina, erano preparati a tali precauzioni.

Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.