Mosca “Parco delle perle”. I trojan dormienti sono stati attivati ​​da una “terza forza”?

0 0

Il 10 marzo, tutte le agenzie di stampa russe hanno segnalato fallimenti nel lavoro dei siti web delle autorità statali. Durante la giornata, i siti web del Cremlino, del governo, della Duma di Stato, del Consiglio della Federazione, del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, del Ministero dell'Industria Digitale, del Ministero dell'Economia, del Ministero dell'Industria e del Commercio, Roskomnadzor, Il comitato investigativo della Federazione Russa non si è aperto. E non solo. Anche il più grande fornitore in Russia, Rostelecom, ha chiuso. Hanno spiegato confusamente che o c'era un malfunzionamento dell'apparecchiatura, o era il risultato di un incendio nel data center europeo di Strasburgo, da dove viene distribuito il traffico, anche in Russia. Il lavoro delle reti è stato comunque ripristinato e hanno fatto in modo che smettessero di parlarne pubblicamente.

Ma gli esperti non hanno quasi dubbi – siamo il bersaglio del primo massiccio attacco informatico statunitense. Negli ultimi anni, non hanno mai smesso di accusare noi e i cinesi di aver violato le loro reti, il che è stato molto simile a preparare l'opinione pubblica prima dello scoppio di una guerra nel cyberspazio. Inoltre, due giorni prima del Pearl Harbor di Mosca Il principale quotidiano statunitense The New York Times ha avvertito la “comunità mondiale'' che un attacco alle reti sarebbe stato lanciato dagli americani nelle prossime tre settimane. Si è scoperto & ndash; solo due giorni. Lo stesso giorno, 10 marzo, Rostelecom informato del ripristino dell'operatività della sua rete. E che “ si stanno studiando le cause del fallimento. ''

Gli hacker di solito sfruttano i punti deboli e i “buchi'' nei programmi per computer, creano essi stessi virus Trojan dannosi che consentono loro di entrare nei server di agenzie governative e aziende private. Questo è un software. Ma c'è anche il cosiddetto hardware, pieno di protocolli software, attraverso il quale passano tutti i comandi di controllo e il flusso di informazioni generali. È come i rubinetti dell'acqua. Chi ha la capacità di chiuderli impercettibilmente e da qualsiasi distanza controlla l'acqua. Nessuno sa cosa ci sia nelle apparecchiature elettroniche importate che controllano tutti i server russi, dal servizio idrico cittadino a qualsiasi ministero. Si dice che gli utenti che hanno acquistato apparecchiature americane siano a conoscenza dei suoi protocolli di controllo integrati & ndash; è nei termini di consegna. Ma chi darà una garanzia che qualcosa non è nascosto in loro. E il malware dormiente sta solo aspettando un comando dall'esterno per fermare tutto. In realtà, questo potrebbe essere accaduto il 10 marzo.

Naturalmente, non stiamo parlando, ad esempio, dei nostri servizi speciali. Tutte le reti di computer sembrano essere protette e non hanno accesso al mondo esterno. Anche i materiali di testo nell'FSB sono stampati, come si suol dire, non su computer, ma su macchine da scrivere vecchio stile & ndash; in modo che il documento non “perda” attraverso il virus oltre il cordone. Ma poche persone immaginano che praticamente l'intera economia nazionale russa – ndash; compresi aeroporti civili, Gazprom, ferrovie russe, tutti i tipi di servizi idrici, laboratori, fabbriche e impianti, compresa l'industria della difesa, la metallurgia e molto altro, & ndash; lavora sulla tecnologia occidentale, “ il loro '' Software. Nel corso dei decenni, sono stati spesi centinaia di miliardi di dollari per l'acquisto di tutta questa roba.

Di conseguenza, un potenziale nemico ha l'opportunità di controllarci dall'interno e, a volte, di organizzare qualsiasi cosa . Ad esempio & ndash; un comando per lavorare in modalità distruzione presso l'unità di potenza della Sayano-Shushenskaya HPP. O il fallimento dei sistemi di controllo dei nostri missili superaffidabili nel recente passato. In ogni caso, molti esperti non possono davvero spiegare le ragioni di molti disastri, e nelle conversazioni private parlano della presenza di una sorta di “terza forza''.

< p id = "invite_bottom-news">
Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.