31 stati prendono parte alle esercitazioni di Ucraina e NATO al largo della costa della Crimea

0 0

esercitazioni navali Sea Breeze & ndash; 2021. Saranno i più grandi degli ultimi vent'anni e rappresenteranno una minaccia di nuove provocazioni per la flotta russa del Mar Nero. Qual è il pericolo delle manovre Ucraina-NATO al largo della Crimea russa? Come risponderà la nostra Marina a questa sfida? L'editorialista di AN dialoga con il capitano del 2° grado, in pensione Valery KAMENEV.

Alla ricerca dei punti deboli

Fin dall'inizio della conversazione, l'ospite della rubrica World of Spionage non ha nascosto le sue paure:

& ndash; La Russia deve affrontare una nuova guerra di Crimea? In effetti, 31 stati stanno partecipando a questi esercizi, che sono chiaramente diretti contro di noi. Soprattutto gli inglesi sono su tutte le furie. Sì, e recentemente il Dipartimento di Stato americano ha annunciato che la sesta flotta della Marina americana prenderà parte al Sea Breeze – ndash; 2021.

& ndash; Sotto l'apparenza di esercizi e manovre, la concentrazione di forze e mezzi per scatenare una guerra era spesso mascherata, & ndash; uno specialista dell'intelligence navale iniziò la sua breve conferenza. & ndash; E questi esercizi copriranno una vasta area del Mar Nero e dell'Ucraina meridionale. Si terranno a Odessa, Ochakovo, estuario del Dnestrovsky, allo spiedo di Kinburnskaya, sulle isole Zmeiny e Pervomaisky, sul delta del Danubio e in altre aree. A questo proposito, la nostra intelligenza ha molto lavoro da fare.

& ndash; Ci si possono aspettare provocazioni da diverse parti? & ndash; l'editorialista di AN non ha resistito a fare domande. & ndash; Ma da chi è la principale minaccia? Di nuovo, come ha detto, “ ai tempi di Ochakov e della conquista della Crimea '' Alexander Vasilyevich Suvorov, 'Una donna inglese cagherà'?

& ndash; Dopo una recente provocazione al largo delle coste della Crimea, la flotta della Regina d'Inghilterra ha già ricevuto, come giustamente ha detto il Ministero della Difesa russo, “una macchia di profumo sulla sua reputazione”, “ndash; Rispose Valery Petrovich. & ndash; Ora è il momento di sbarazzarsi dei burattini ucraini.

Il capitano di secondo grado Kamenev ha attirato l'attenzione sul fatto che la metà del personale che sarà coinvolto in questi esercizi sarà l'esercito ucraino. “ Per partecipare all'esercitazione Sea Breeze & ndash; Entro il 2021, le forze armate ucraine e le altre forze di sicurezza e difesa forniranno: 24 navi (barche), 17 aerei, 12 elicotteri e un migliaio e mezzo di personale. Inoltre, sarà coinvolta una nave di ricerca e soccorso '', & ndash; Lo ha riferito l'altro giorno il comandante in capo delle forze armate dell'Ucraina, il colonnello generale Ruslan Khomchak.

& ndash; A mio avviso, nonostante gli obiettivi ufficialmente dichiarati dell'esercitazione, si tratterà di una sorta di ricognizione in vigore. Cercheremo di nuovo i punti deboli, & ndash; il vecchio ufficiale dell'intelligence terminò la sua conferenza sulle esercitazioni NATO-Ucraina.

Phantom of War a Cape Fiolent

La conversazione si è spostata sul recente incidente con un cacciatorpediniere britannico. Questa nave ha violato il confine di stato marittimo della Russia e ha invaso le acque territoriali vicino a Capo Fiolent per più di 3 chilometri, trascorrendovi 30 minuti. Le guardie di frontiera dell'FSB della Federazione Russa più volte hanno avvertito la nave di Sua Maestà su un canale radio internazionale aperto, ma il comandante del cacciatorpediniere non ha reagito in alcun modo e si è limitato a scattare: “Mi stai minacciando?”

Di conseguenza, la nave della pattuglia di confine ha aperto il fuoco di avvertimento da una mitragliatrice di grosso calibro lungo il percorso del trasgressore. Dopo che il Defender non ha reagito a questo “segnale”, il bombardiere Su-24 della flotta del Mar Nero ha sganciato 4 bombe a frammentazione ad alto potenziale esplosivo OFAB-250 esattamente sulla rotta della nave, e solo allora il cacciatorpediniere ha cambiato rapidamente rotta ed è fuggito in acque neutre. p>

Opinione autorevole

Il commento del capitano in pensione di 1° grado Sergei Ishchenko:
& ndash; La situazione nel Mar Nero non è mai stata così vicina a un vero scontro militare tra Russia e NATO come a Cape Fiolent, almeno negli ultimi tre o quattro decenni. E non ho dubbi che sia stata una deliberata provocazione da parte dei marinai britannici, per la quale si stavano preparando da almeno diversi mesi.

Secondo questo esperto esperto, lo spettro della guerra era già in piedi a Capo Fiolent. Dopotutto, siamo stati costretti a usare le armi. Vero e proprio bombardamento lungo la rotta di una nave da guerra & ndash; non è uno scherzo. Di solito, in questi casi, per una maggiore persuasività, i piloti mettono le loro munizioni da 250 chilogrammi direttamente in 3 – 4 cavi davanti allo stelo. E un cacciatorpediniere di solito percorre una tale distanza prima che l'enorme fontana d'acqua sollevata dall'esplosione abbia il tempo di stabilizzarsi. E proprio questo, sai, libera il cervello.

La domanda naturale è: cosa stanno cercando di ottenere? L'Occidente sta esplorando attivamente il problema più importante per questo: fino a che punto i nostri militari sono pronti a proteggere lo status russo della Crimea? Putin è pronto o no a dare il comando di aprire il fuoco per uccidere?

La risposta è stata ricevuta. Putin è pronto. Perché il prossimo OFAB-250 russo a colpire il mazzo del Defender era probabilmente a pochi secondi di distanza. E poi il comando del cacciatorpediniere britannico non sarebbe stato salvato dai passamontagna bianchi messi frettolosamente in allerta. Preferirebbero usare pantofole bianche.

& ndash; Ora molti uomini coraggiosi informatici sui social network affermano che il trasgressore del confine avrebbe dovuto essere annegato, & ndash; l'ospite della rubrica World of Spionage ha deciso di intensificare la conversazione. & ndash; E allora le navi spia non sarebbero più arrivate sulle nostre coste. Perché siamo a forma di mandorla con loro?

& ndash; Non siamo a forma di mandorla, ma agiamo rigorosamente secondo la legge sul confine di stato e le istruzioni dipartimentali, & ndash; obiettò il marinaio. & ndash; Definisce chiaramente quando usare le armi per uccidere. Un po' di più e il cacciatorpediniere britannico sarebbe stato nel mirino non solo dei nostri piloti, ma anche dei sistemi missilistici costieri Ball. E possono portare una nave ovunque nel Mar Nero.

Segreti della difesa missilistica delle Hawaii

& ndash; Da tempo immemorabile, molti paesi sono stati impegnati nell'esplorazione dal mare, & ndash; osservò amabilmente il giornalista. & ndash; Anche i nostri non sono santi sotto questo aspetto. Ecco cosa scrive il famoso esperto militare giapponese Jun Kitamura a proposito della riuscita operazione di ricognizione della Marina russa contro gli americani alle Hawaii.

“ Di recente, alle Hawaii, che dopo il lockdown hanno ricominciato a ricevere numerosi turisti, sono improvvisamente comparsi “ospiti non invitati”. Una nave spia (una nave da ricognizione di classe Vishnya chiamata Karelia), di proprietà della flotta del Pacifico della Marina russa e che raccoglie e analizza attivamente varie informazioni elettroniche, è apparsa al largo della costa occidentale di Kauai.

C'è un centro di test dei sistemi di difesa missilistica gestito dalla Missile Defense Agency (MDA) degli Stati Uniti. Vi è installato anche il sistema di difesa missilistico terrestre Aegis Ashore (controllato dalla stessa agenzia).

Pearl Harbor sull'isola di Oahu, adiacente a Kauai, è il quartier generale della US Pacific Fleet, e le navi Aegis con funzioni di intercettazione missili balistici.

Sempre a Pearl Harbor, è installato un enorme radar SBX-1 in banda X basato sul mare (il sistema si trova su una piattaforma gigante che deve spostarsi via mare, ma non appartiene alla Marina, ma all'Agenzia di difesa missilistica) per rilevare e tracciare missili balistici dal mare. Mentre questa piattaforma è ancorata.

Pertanto, le Hawaii hanno una serie completa di importanti sistemi di difesa missilistica gestiti dalle forze armate statunitensi.

Alla fine di maggio, un test di intercettazione di missili balistici è stato programmato dalla Missile Defense Agency della US Navy e dalla Pacific Fleet (un esperimento in cui due missili intercettori sono stati lanciati dalla nave Aegis per abbattere un missile balistico a medio raggio). Naturalmente, la flotta russa del Pacifico ha inviato una nave spia da Vladivostok alle Hawaii per raccogliere dati su questi incendi vivi.

Una nave da ricognizione russa è andata alla deriva in alto mare a 13 miglia nautiche a ovest di Kauai. Di conseguenza, la flotta del Pacifico degli Stati Uniti fu costretta a inviare aerei di pattuglia e cacciatorpediniere per assicurarsi che la nave russa non influisse negativamente sulla preparazione del fuoco. Per questo periodo, i test di intercettazione del bersaglio sono stati rinviati.

In definitiva, i lanci di prova sono stati effettuati solo il 29 maggio. Il piano prevedeva che Aegis, in allerta in mare, rilevasse e tracciasse un missile balistico a medio raggio e lanciasse rapidamente due missili intercettori SM-6.

Il test ha coinvolto l'ultima versione moderna del missile SM. -6 & ndash; SM-6 Dual-II, progettato per intercettare missili balistici. Due missili SM-6 Dual-II sono stati lanciati dall'Aegis contro un missile balistico a medio raggio, ma nessuno di loro ha colpito il bersaglio e i test sono falliti.

In precedenza, test simili utilizzando la versione precedente del missile intercettore SM-6 Dual-I sono stati effettuati tre volte tra il 2015 e il 2017 e tutti si sono conclusi con successo. L'SM-6 Dual-II, progettato per ingaggiare missili balistici più avanzati che volano su una traiettoria più alta, è stato testato per la prima volta.

C'è però una caratteristica delicata in questo esperimento. Ci sono informazioni che nel tempo il “ sbrigati '' La Marina russa durante il soggiorno di “ Carelia '' nell'area acquatica delle Hawaii, è riuscito a intercettare una parte significativa dei dati segreti più preziosi, che sono stati gestiti dall'Agenzia di difesa missilistica della Marina degli Stati Uniti durante il lancio di prova dei missili SM-6 Dual-II.

< p> Ora per gli americani c'è un altro nuovo compito: come proteggersi in futuro da tali “non invitati '', ma molto fastidiosi ospiti russi.''

& ndash; I nostri scout dalla Carelia non ha violato il confine marittimo degli Stati Uniti, & ndash; Kamenev, un esperto giapponese, ha commentato questo messaggio. & ndash; E la squadra degli inglesi “ Defender '' non si è comportato come un gentiluomo, mettendo il mondo sull'orlo della guerra.

Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.