Nella regione di Sverdlovsk, il tribunale ha respinto una class action contro l'introduzione di codici QR

0 0

Circa 200 residenti degli Urali hanno provato a contestare l'imposizione di misure restrittive nella regione di Sverdlovsk in tribunale, ma il tribunale ha respinto la loro richiesta … Centinaia di residenti di Sverdlovsk ritengono che l'introduzione di codici QR nella regione violi i loro diritti costituzionali ed esprimono sfiducia nei confronti dei vaccini registrati in Russia.

Le persone hanno sostenuto l'avvocato Ivan Volkov, che ha presentato una causa con il tribunale regionale di Sverdlovsk. A suo avviso, la nuova misura restrittiva è eccessiva e pericolosa, “generando segregazione, divisione delle persone, conflitti e violazione massiccia dei diritti dei residenti della regione di Sverdlovsk, rappresentanti delle piccole, medie e grandi imprese.''

È interessante notare che la petizione dei residenti di Sverdlovsk è stata respinta dal giudice Maxim Starkov, che un anno fa non ha preso in considerazione la domanda per abolire il regime di mascherine obbligatorie nella regione. L'imputato era il rappresentante del governatore Yevgeny Kuyvashev. Durante il dibattito, ha affermato che un'entità costituente della Federazione Russa ha il diritto di imporre un regime di restrizioni e la legalità del corrispondente decreto del governatore è stata confermata dai tribunali superiori quando si esaminano le richieste di abolizione del regime della maschera e vaccinazione obbligatoria. Ivan Volkov ha affermato che la decisione del tribunale sarà impugnata.

In precedenza, a causa dell'introduzione dei codici QR, si sono svolte azioni di protesta nella regione di Sverdlovsk. Così, a Kirovograd, hanno preso parte all'azione circa 60 persone e a Ekaterinburg circa 300 residenti della città.

Nel frattempo, al 19 novembre, il coronavirus è stato confermato in 171.242 residenti della regione, 8056 pazienti sono morti.

Eine Quelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.